26 apr 2014

A che gioco sta giocando Berlusconi?

Leggo dall'HuffPost che Berlusconi, nel suo "tornare in campo" nella campagna elettorale fa una sequela di cazzate sotto ogni punto di vista, in particolare dal punto di vista della comunicazione politica:
- offende pesantemente i tedeschi, tra cui molti alleati del PPE
- ammette che Forza Italia in pratica a queste europee lotta per la salvezza
- si lamenta della presenza TV di Renzi, cioè fa ciò che ha fatto perdere la sinistra tante volte
- non attacca i comunisti tassatori
- non attacca l'Europa e l'euro
- non attacca la magistratura (ci pensino i forcaioli o manettari che "la pena di Berlusconi è ridicola", a cosa sia più utile alla Società)
- ripete per ben due volte lo slogan M5S coniato di fresco dello sbattere i pugni

Nel frattempo, Bondi si spertica in lodi per Renzi, e Bondi è uno che i voti li fa perdere, non trovare; Taormina invita in pratica al voto utile contro il PD per il M5S. I temi trattati da Grillo, tra Equitalia, IRAP e non-festeggiamento del 25 aprile tendono sempre più rapidamente al programma dei forzaleghisti.

A Forza Italia arriva l'allarme (li facevo più svegli) che il M5S gli sta fottendo i voti, evidentemente non leggono il mio blog dato che lo dico da tempo, del resto c'è chi ci arriva prima e chi dopo.

E lui fa tutte queste cacate.

Berlusconi è disonesto, mente come nessun altro, finto, senza scrupoli, fascistoide se gli serve, intollerante alla critica, malato di sesso, illiberale, ha idea degradata della donna, donnaiolo, possibile gay represso,  e un sacco di altre cose.
Ma ingenuo e inesperto no.

A che gioco sta giocando? A favorire il M5S alle europee per togliere forza contrattuale a Renzi e al PD da maggio in poi?