31 gen 2014

Arbitro cornuto

Punto primo: ho fatto l'arbitro di calcio per la FIGC fino all'anno scorso, arbitrando qualche centinaio di partite dagli esordienti alla seconda categoria passando per tutto quello che c'è nel mezzo.

Punto secondo: come ci insegnò l'attuale presidente Nicchi, ci sono due periodi dell'anno, in particolare dicembre e febbraio, in cui delle squadre si rendono conto che il campionato gli sta andando male e per giustificarsi con se stesse e con i propri tifosi se la prendono con gli arbitri.

Punto terzo: quando fai l'arbitro ti càpitano giocatori di ogni genere. C'è il falloso e il pulito, l'educato e il maleducato, lo sportivo e l'antisportivo. Queste categorie sono associate in modo incorrelato tra loro: capita benissimo il calciatore falloso/educato/sportivo quanto il pulito/maleducato/antisportivo insomma le tre variabili dicotomiche sono mutuamente indipendenti. Mi spiego meglio. Capita un giocatore che ha rispetto per te e per gli altri calciatori, ti chiama "signore", non ruba i metri sulle rimesse, non simula, ma è parecchio falloso. E capita invece il giocatore che dal primo fischio ti rompe i coglioni su ogni azione e su ogni decisione, si tuffa sempre, ruba i metri, pur essendo magari dotato tecnicamente e per niente falloso.
Ora supponiamo, per un attimo, che il giocatore 1, ovvero il falloso/educato/sportivo, al 30° del primo tempo faccia un fallo un po' sopra le righe, ma appena fischi si ferma, dà la mano all'avversario per aiutarlo a rialzarsi e gli chiede scusa. Comportamento dell'arbitro: punizione e avvertimento verbale.
Ora immaginiamo invece il giocatore 2, quello pulito/maleducato/antisportivo, che allo stesso minuto di gara compie un fallo un po' sopra le righe; appena fischi, si incazza, alza gli occhi al cielo e urla "Ma cosa dici!!!!". Comportamento dell'arbitro: punizione e cartellino giallo (o rosso se nell'urlo inserisce anche delle offese tipo "Ma che cazzo dici coglione!").

Punto quarto: quando l'arbitro indica il dischetto, gli stolti guardano l'arbitro.

Per cui, a parte il fatto che una situazione come quella di mercoledi non si era mai vista, come in effetti non si era mai visto l'uso della "ghigliottina", prima di parlare a caso il M5S ragioni su quanto sia loro convenuto fare una campagna spesso infondata, strumentale, artificiosa e quasi sempre sessista contro la presidente Boldrini, che peraltro è di un partito di opposizione che ha votato contro il provvedimento in esame, invece di andare a mischiarsi con fascisti e legaioli a fare bordello. E si ricordino che il presidente è presidente di tutti, e che loro, porco di un grandissimo cane non sono un cazzo tutti e non hanno nessun diritto di parlare per tutti.

Dalla politica da curva alla politica dell'arbitro cornuto il passo non è neanche breve, è già fatto (vedi la farlocca accusa di attentato alla Costituzione a Napolitano).